Le parole per dirlo
stampa

14.12.2016

“Strappare la bellezza ovunque essa sia e regalarla a chi mi sta accanto. Per questo sono al mondo” 
(A. D’Avenia, scrittore, 1977)

Venerdì sera sono stato ospitato a Boves per la presentazione del mio libro. Un caro amico, Giampy, costretto dalla nascita a vivere su una sedia a rotelle, mi ha commosso parlando di bellezza. Ha detto: “Io trovo la bellezza nel gesto di chi mi imbocca, nella cura di chi mi lava, nella gentilezza di chi mi dà un passaggio in auto”. Mi ha commosso l’accostamento di bellezza e amore. Ogni atto amoroso è un’esperienza di bellezza. Ti aiuta a reggere la vita e ti apre uno squarcio di speranza. In un abbraccio intenso il mondo ritrova senso e con l’aiuto di un amico anche l’attività più pesante diventa bella. Tutti ricordiamo la fatica di un trasloco, con la tristezza di dover abbandonare una casa abitata a lungo e la difficoltà di dover spostare mille cose, con gli scatoloni che crescono come funghi. In quell’occasione l’aiuto di amici ha trasformato la giornata pesante in una festa. Siamo al mondo per creare bellezza, per aiutare altri a vedere le cose belle, per tirar fuori il bello che c’è in loro.  Siamo al mondo per diventare noi stessi “opere d’arte”. Sarebbe fantastico concepire così la nostra esistenza: creatori di bellezza. Cucinare al meglio la pasta perché chi la mangia possa non solo riempirsi, ma fare una esperienza bella. Oppure salutare con un sorriso intenso, perché chi ci incontra possa fare un’esperienza di bellezza. Proprio come dice D’Avenia: “Strappare la bellezza ovunque essa sia e regalarla a chi mi sta accanto. Per questo sono al mondo”. Gli artisti sono così: sulla tela bianca creano un’opera d’arte per rallegrare i nostri occhi e riempire il nostro cuore. Ti auguro di diventare artista della vita: nella pagina bianca di ogni nuovo giorno puoi far nascere azioni belle da regalare a chi ti incontra: in casa, per strada, al mercato, al lavoro. Vivi come se stessi dipingendo un’opera d’arte importante. Anzi, la più importante: la tua vita. Per questo motivo a volte è utile andare a visitare una mostra d’arte: per ricordarci di essere artisti ogni giorno. E per lasciarci aprire gli occhi al punto da saper vedere la bellezza anche nei momenti duri e difficili della vita. Proprio come dice questa splendida poesia che è stata letta a Boves: “Salvezza è sapere/ che, come fiore fra la neve/ può nascere/ un sorriso nel pianto,/ una carezza nel dolore,/ una parola nell’angoscia…/ tremenda e dolce/ Bellezza dell’esistenza!”.

14.12.2016
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento