Le parole per dirlo
stampa

29.10.2014

“L’illusione della velocità è credere che essa faccia guadagnare tempo” (F. Gros, filosofo francese vivente)

Siamo di fretta perché ci manca il tempo oppure ci manca il tempo perché siamo di fretta?
A prima vista ci pare vera la prima espressione: siamo di fretta perché ci manca il tempo. Lo diciamo più volte al giorno: “Mi manca il tempo”. “Non ho tempo”, “Sono in ritardo”… e dunque devo correre. Il classico esempio è quando vai a prendere il treno: se sei in ritardo, se manca poco tempo alla partenza sei costretto a correre per non perdere il treno.
Ma a pensarci bene è altrettanto vera la seconda. Più corri e meno vivi il tempo. Più corri e più il tempo corre via con te. Il classico esempio è quando ti viene chiesto di fare cinque minuti di silenzio: sembra un’eternità. Lì il tempo non finisce più, ne hai in abbondanza. Perché? Perché sei fermo, in silenzio, attento a ogni tuo respiro, ogni tuo battito, ogni piccolo rumore attorno a te. Lì la vita si dilata, si riempie. E il tempo “aumenta”.
Non è la velocità a farci “guadagnare tempo”, ma l’intensità.
Se vai in auto fino a sant’Anna di Vinadio, probabilmente lungo la strada ti arrabbi due o tre volte perché un camion o un camper ti stanno rallentando il viaggio o perché alcuni ciclisti lungo i tornanti ti fanno perdere preziosi minuti. Stai andando veloce, eppure ti manca il tempo. Se ci vai una volta a piedi il tempo si dilata. Vai lentissimo, eppure hai tempo per guardare i fiori, per gustare una sorgente fresca, per notare i gerani ai balconi delle case, per chiacchierare con i compagni di cammino, per pregare. Vai lento, ma allarghi lo sguardo e il cuore. E il tempo si dilata perché ti concedi del tempo e perché vivi intensamente il tempo.
Abbiamo perso la prospettiva dell’eternità e ora siamo chiusi nella gabbia del tempo, del “poco” tempo che la vita ci offre (80-100 anni). E dunque corriamo per non perdere questo poco tempo. Ma più corriamo più ci manca il fiato e il tempo. Forse varrebbe la pena di tornare a guardare la vita alla luce dell’eternità. Il tempo si dilaterebbe.
Viviamo la festa dei Santi come una bella occasione per rivedere il nostro modo di pensare il tempo. È una splendida festa per aprire uno squarcio sulla bellezza del Paradiso.

Forse ti può interessare anche:

29.10.2014
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento