Crf-H1-M-728x90 OK

American animals

American animals

Di Bart Layton; con Evan Peters, Barry Keoghan, Jared Abrahamson.

Autore di un folgorante esordio (“The Imposter”, 2012) a metà strada tra documentario e noir (premiato tra l’altro come miglior esordiente ai Bafta 2013), con “American animals” Bart Layton in qualche modo ripropone il medesimo schema con un film ai confini tra cinema di finzione e cinema di documentazione, con un risultato finale che se anche non sempre vince, nel complesso convince. Studenti annoiati della Transylvania University di Lexington in Kentucky, Spencer (Barry Keoghan) e Warren (Evan Peters) decidono di rubare un prezioso volume della biblioteca universitaria che a dispetto del suo enorme valore è custodito senza particolari misure di sicurezza. Coinvolti nel progetto criminale anche gli amici Eric (Jared Abrahamson) e Chas (Blake Jenner), i quattro iniziano a programmare il colpo in tutti i suoi dettagli progettando anche, una volta conclusa la rapina, come piazzare presso alcuni spregiudicati mercanti d’arte europei una refurtiva così rara. Va da sé che le cose andranno diversamente da quanto inizialmente previsto…
Un po’ heist movie un po’ mockumentary, “American animals” è un film deliziosamente metacinematografico che gioca con lo spettatore come il gatto con il topo, mettendo in atto una curiosa e spiazzante fusione tra finzione e documentazione cui fa da contrappunto una colonna sonora da urlo (da “A little less conversation” di Presley a “Hurdy Gurdy Man” di Donovan), mescolando le interviste ai veri protagonisti con la ricostruzione della vicenda (peraltro realmente accaduta nel 2003), citando esplicitamente (e postmodernamente) molto cinema contemporaneo (da “Le Iene” di Tarantino a “Rapina a mano armata” di Kubrick) e giocando in maniera intelligente con i piani temporali e narrativi. Un po’ dramma, un po’ commedia, un po’ documentario, un po’ film d’azione, con una ventina di minuti in meno “American animals” sarebbe un film da inserire in cineteca, anche così comunque è un film da vedere.