Home Rubriche La santità della porta accanto

La santità della porta accanto

Roggia Don Fiorenzo

Don Fiorenzo, un piede a Fossano, l’altro in paradiso (1ª parte)

La sua famiglia è davvero speciale e profondamente salesiana: papà Giuseppe e mamma Giovanna sono stati fenomenali maestri di fede, se dei nove figli che hanno avuto ben quattro sono diventati salesiani e se...
Verra Clementina

Le due sorelle di Villafalletto (3ª parte)

Arriva, per Clementina Verra, il momento di mettersi a letto per non rialzarsi più. “Dal primo gennaio 1965 a domenica 16 maggio, l’ultimo giorno trascorso quaggiù”, annota il suo parroco don Giovanni Canale, “le...

Le due sorelle di Villafalletto (2ª parte)

A Maria Verra, cui la salute ha precluso la possibilità di farsi suora, il Servo di Dio don Stefano Gerbaudo spalanca invece le porte delle sue “Cenacoline”, alla cui costituzione lavora febbrilmente proprio negli...
Verra Clementina E Maria

Le due sorelle di Villafalletto (1ª parte)

Profuma di Betania quella casa di via Valdo a Villafalletto. E volesse Dio che in ogni parrocchia davvero ce ne fosse una così, dove si cerca di coniugare azione e contemplazione e dove si...
Giovanni Matteo Ancina

Il fratello diverso (3ª parte)

Giovanni Matteo, di sette anni più giovane (nato cioè nel 1552), di Giovenale Ancina è il fratello diverso, aggettivo da intendersi nel suo senso letterale: meno brillante negli studi, ma non per questo meno colto; certamente...
Beato Giovenale Ancina

Il “gran travaglio” di essere vescovo (2ª parte)

Ordinato vescovo il 1° settembre 1602, mons. Giovenale Ancina deve attendere fino al 5 marzo dell’anno successivo prima di poter entrare in diocesi, per le solite questioni sulla nomina dei vescovi che in questa epoca...
Beato Giovenale Ancina 1

Una “similissima figura” fossanese di san Filippo Neri (1ª parte)

Le tentazioni di un giovane ricco: potremmo chiamare così le varie opportunità che il mondo cinquecentesco offre al fossanese Giovanni Giovenale Ancina. A cominciare dalle soldatesche (prima spagnole e poi francesi) che stazionano in...
Bracco Luigi

Il contabile che preferì Dio alla banca (2ª parte)

Il lavoro principale, se non esclusivo, di Luigi Bracco diventa così la ricerca di Dio, la meditazione della sua Parola, l’annuncio, con uno slancio missionario senza pari, di uno stile nuovo di vita modellata sul Vangelo....
Bracco Luigi

Il contabile che preferì Dio alla banca (1ª parte)

“Noi i l'avìo ‘n cuntabil cha l’à lassase per fè meditassiun”: è il commento, tra lo stupito e lo scandalizzato, che si bisbiglia a Fossano sul conto di un ragioniere, tal Luigi Bracco, che un...
La tomba di Suor Imelda nel cortile della Missione di Gostime (Albania)

La corsa di “trottolino” sulla strada della santità (3ª parte)

L’altro versante, per cui suor Imelda Sturpino continua a lavorare su stessa, la porta a chiedere di “provare la gioia di dare qualcosa a tutti. La gioia però deve essere santificata. Deve essere accompagnata dalla...