Fossano, Polfer e telecamere per più sicurezza

Foto di Costanza Bono

Alla stazione ferroviaria di Fossano, è previsto l’arrivo di una ventina di agenti, che formeranno il Posto operativo della Polfer da tempo atteso: i lavori per l’allestimento degli spazi che li accoglieranno dovrebbero concludersi tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo. Intanto, le immagini raccolte dalle telecamere di videosorveglianza sparse nel territorio comunale saranno trasmesse direttamente al Comando locale dei Carabinieri, mentre finora potevano consultarle “in tempo reale” soltanto i vigili urbani: un vantaggio prezioso, dal momento che la Centrale operativa dell’Arma lavora senza interruzione, 24 ore su 24, mentre gli agenti interrompono la loro attività alla sera. Sono le novità sul “fronte sicurezza” comunicate nel tardo pomeriggio di oggi (venerdì 19 gennaio), durante la festa di San Sebastiano, patrono della Polizia locale.

Per questa ricorrenza, vengono abitualmente fornite informazioni sull’attività svolta dagli agenti nell’anno appena concluso. Tradizione confermata anche oggi: il comandante Giacomo Cuniberti ha raccontato il 2023 della Polizia locale fossanese in “numeri”. Tra questi, le sanzioni per violazioni al Codice della strada, che generalmente raccolgono molto interesse: sono state 9.140, a cui corrispondono 574.628 euro di “incassato”. Cifre in crescita rispetto agli anni scorsi, ma in linea con il periodo “pre Covid”, che - ha sottolineato Cuniberti - provano come l’impegno degli agenti sia quello di garantire la sicurezza, e non “fare cassa”.

I 17 agenti di cui dispone la Polizia locale di Fossano hanno effettuato 23.772 ore di lavoro in totale; 842 le pattuglie formate per i servizi su strada. Centosettantaquattro servizi sono stati dedicati al controllo del rispetto dei limiti di velocità, in aumento rispetto al 2022: 3,3 i verbali “staccati” in media a ogni servizio.

Articolo completo sul prossimo numero de “la Fedeltà”, in edicola il 24 gennaio.