Crf-H1-M-728x90 OK

Ci ha lasciati don Giovanni Aimetta

È mancato giovedì sera all’Opera Pia Sant’Anna

Centallo Aimetta Don Giovanni Saluto
Centallo, 2009, il saluto a Don Giovanni Aimetta

È morto nel sonno, improvvisamente, a 83 anni, all’Opera Pia Sant’Anna, dove si era ritirato da settembre 2010. Giovedì sera, intorno alle 22,20, ci ha lasciati don Giovanni Aimetta. Originario di Genola, ordinato sacerdote il 29 giugno del 1962, è stato viceparroco a Villafalletto fino al 1970, a Centallo dal 1970 al 1974, quindi pievano di Maddalene dal 1974 al 1988, poi ancora a Centallo fino al settembre 2009, per chiudere per un breve periodo nuovamente a Maddalene.

Don Giovanni apparteneva a una famiglia di grande fede, con cinque figli su nove avviati alla professione religiosa. Gli altri furono padre Pasquale, morto in missione a poco più di 30 anni, e tre suore Giuseppine: Barbara, Teresa e Mariuccia.

Con Suor Barbara (mancata nel 2015) e con la sorella minore Agnese (mancata nel 2011) ha condiviso gli anni di servizio a partire dal 1988, e anche l’ultimo trasferimento al Sant’Anna.

Estroverso, appassionato, generoso e schietto, don Giovanni ha lasciato un ricordo indelebile di sé in tutti i suoi luoghi di “missione”, facendosi voler bene ovunque per il suo impegno verso la comunità.

Rosario questa sera alle 19 presso l'Opera Pia s. Anna - Casa Sordella a Fossano e alle 20 nella Chiesa parrocchiale di Centallo. Il funerale sarà celebrato sabato 30 novembre alle 14,30 a Centallo.