Tbc al Vallauri: situazione tranquillizzante

Lunedì sono stati verificati gli esiti della tubercolina effettuata su studenti, insegnanti e operatori; l’esito dei test è stato tranquillizzante ma, per precauzione, verrà ripetuto fra due mesi  

A dieci giorni dalla comparsa di un test positivo alla Tbc su uno studente del triennio (che non presenta i sintomi classici della malattia; semplicemente è stato a contatto con il fratello ricoverato per tubercolosi) lunedì, all’Istituto superiore Vallauri, sono stati controllati gli esiti dei test effettuati su studenti, insegnanti e operatori che hanno avuto contatti con il giovane.

“L’esito è stato tranquillizzante - dichiara il dirigente del Servizio di Igiene e profilassi Domenico Montù -. Ora dobbiamo mantenere il monitoraggio per i mesi successivi; il controllo attraverso il test andrà ripetuto fra due mesi, perché non possiamo essere certi in assoluto che l’esito riscontrato al primo controllo sia definitivo; non sappiamo quale sia stato il momento dell’eventuale infezione; se fosse avvenuta in tempi recentissimi potremmo registrare una risposta soltanto più avanti. Se fra due mesi verranno confermati gli esiti di questa prima tornata di esami potremo dirci   pienamente soddisfatti”.

 

Su La Fedeltà  del 22 ottobre anche un intervento del dottor Pier Luigi Mina: “Essere positivi alla Tubercolina significa soltanto aver formato gli anticorpi”